Tappa / Stage 13: Rifugio Treviso-Canali > Rifugio Rosetta

Catena del Coro con Cime Vani Alti nel fondo, dal Passo di Canali / Catena del Coro with Cime Vani Alti in the background, from Passo di Canali

In questa tappa ripercorriamo il cammino di altri pionieri delle Dolomiti, oltre a quelli di Amelia. Nel Capitolo 5 descriviamo il primo attraversamento delle Dolomiti del Primiero ad opera di Frank Tuckett e alcuni suoi compagni dell’Alpine Club. Il gruppo arrivava da Agordo, passò le Pale di San Lucano, attraversò la Valle d’Angheràz e superò il passo per entrare in Val Canali. Il buio li sorprese mentre scendevano la Val Canali, quindi dormirono all’aperto, tra gli alberi, prima di scendere verso Primiero il giorno successivo. Il percorso principale segue le loro tracce fin sul passo. 

Mentre guadagniamo altitudine oltre la linea degli alberi, siamo circondati da una splendida catena di cime scheggiate e pinnacoli acuminati, sparsi su tutti i lati. Dopo aver valicato il Passo di Canali, ci dirigiamo alla Forcella del Mièl, il punto da cui Tuckett salì. Da qui continuiamo la scalata verso ovest, sull’Altipiano delle Pale di San Martino. L’altipiano è straordinariamente selvaggio e sorprendentemente difficile da attraversare, con canyon nascosti e profonde voragini in cui si celano laghi ghiacciati.  

La Variante 13 continua verso il basso nella Val Canali verso il ristorante Cant del Gal, dove calchiamo il sentiero di Lesley Stephen, anch’esso descritto al Capitolo 5, iniziando la lunga salita verso il Rifugio Pradidali. Dopo una gradita pausa per rifocillarci, attraversiamo il Passo di Ball e proseguiamo lungo una breve sezione della via ferrata, prima di inerpicarci sugli ultimi tratti a zig-zag che portano all’Altipiano.

Meglio aggiungere un giorno al Rifugio Rosetta se si vuole scalare il Cimon della Pala e la Cima della Vezzana.

Today we retrace the steps of some other pioneers in the Dolomites as well as Amelia. In Chapter 5 we described the first crossing of the Primiero Dolomites by Frank Tuckett and some of his pals from the Alpine Club. They came from Agordo, past the Pale di San Lucano, through Valle d’Angheràz and over a pass into Val di Canali. Darkness overtook them as they descended the valley so they slept out among the trees before continuing down to Primiero the next day. The Foundation Route follows their trail, in reverse, back up to the pass.

As we gain height up the valley beyond the treeline, we are surrounded by an amazing array of splintered summits and spiky, shattered pinnacles on all sides. After crossing Passo di Canali, we head for Forcella del Mièl, which is where Tuckett came up. There we continue climbing westwards onto the featureless Altipiano delle Pale di San Martino. The altipiano is wonderfully wild and surprisingly difficult to cross, with hidden canyons and deep holes containing icy lakes.

Variant 13 continues down Val Canali to the restaurant at Cant del Gal where we pick up Leslie Stephen’s trail, which we also described in Chapter 5, for the long climb up to Rifugio Pradidali. After a welcome break for refreshments, we cross Passo di Ball and continue along a short section of via ferrata before climbing the zigzags up to the altipiano.

Add an extra day at Rifugio Rosetta to climb Cimon della Pala and Cima della Vezzana.


Invia i tuoi commenti, storie, aggiornamenti o foto di questo stage e li pubblicheremo nella pagina in alto.

Send us your comments, stories, updates or photos of this stage and we will post them on the page above.