Rifugio Locatelli

The view of the majestic Tre Cime di Lavaredo from Rifugio Locatelli is possibly the most iconic image of the Dolomites but there is nothing secluded about this place.  Cars and buses drop hundreds of tourists at Rifugio Auronzo for an easy walk and a lively lunch at Locatelli.

For me it was a strange feeling to be surrounded by so many happy chatty people after four days of near solitude through the Marmarole and Cadini mountains. Also a reminder of the widespread appeal of this world-heritage site. It's good to mingle with people who share our emotions for these mountains.  

It was opening night at Locatelli, today is the first day's business for 2016 and as I write the hut is really rocking; it feels like there's a party going on.

My journey here from Fonda Savio followed a classic mountaineering route along a safe path which works its way through the Cadini, around huge precipices with the security of a steel cable across the most scary sections. I tooled up with my harness and safety gear for a 30m climb up a dripping wet and slippy chimney helped by a ladder and cable.  I was secure with my kit but reminded that this section makes today's route another variant. There is an easier alternative to Rifugio Auronzo.

Dinner at Locatelli rivals anything the best restaurants offer in Cortina. How they serve up gourmet meals for multitudes at 2405m. altitude is incredible.

 

25 giugno

La veduta delle maestose Tre Cime di Lavaredo dal Rifugio Locatelli è possibilmente l’immagine più iconica delle Dolomiti, ma non c’è niente di isolato di questo posto. Centinaia di turisti arrivano a Rifugio Auronzo in auto e in pullman per una facile camminata e un pranzo vivace al Rifugio Locatelli.

Ho provato una sensazione molto strana nel trovarmi circondato da tanta gente allegra e loquace dopo quattro giorno di quasi solitudine tra le Marmarole e i Cadini. Mi ha anche ricordato l’attrattiva diffusa che ha questo luogo in quanto Patrimonio Mondiale Unesco. È bello socializzare con altre persone che provano le stesse emozioni per queste montagne.

Oggi era il primo giorno d’apertura estiva 2016 per il Rifugio Locatelli e nonostante ciò mentre scrivo il rifugio pullula di vita e mi sento in mezzo ad una grande festa.

Dal rifugio Fonda Savio questa mattina ho seguito un classico percorso alpino, su un bel sentiero che passava per i Cadini, attorno a grossi precipizi, con la sicurezza di un cavo di acciaio per le parti più impervie. Mi sono messo l’imbracatura per fare un’arrampicata di 30m su un camino scivoloso e sgocciolante con l’aiuto di una scala e un cavo. Ero al sicuro con tutta la mia attrezzatura, ma mi sono reso conto che questa sezione fa del rende il percorso di oggi una variante. Sono comunque a conoscenza di un sentiero alternativo, più facile, per il Rifugio Auronzo.

La cena servita al Rifugio Locatelli rivaleggia qualsiasi piatto offerto dai migliori ristoranti di Cortina. Come fanno a servire piatti così prelibati a una moltitudine di persone a un altitudine di 2405m è davvero incredibile.